1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Richard Meier

Richard Meier

Richard Meier
Tra i principali esponenti dell’architettura contemporanea, Richard Alan Meier (1934) si laurea nel 1957 all’Università di Ithaca: la sua formazione prosegue fino al 1963 presso importanti società e studi di New York.
Influenzato da Le Corbusier, il lavoro di Meier è considerato come un fulgido esempio del “nuovo modernismo della seconda metà del Novecento” (Sacchi).
Nel corso della lunga carriera, che lo vede protagonista anche con i Five Architects e come docente universitario, le sue opere variano tuttavia in modo sostanziale.
Ne è un chiaro esempio la fase iniziale di progettazione di residenze; da una reinterpretazione dei criteri di Gropius e Breuer, come Casa Smith a Darien (1967), Meier arriva anni dopo alla rielaborazione del suo stesso prototipo nella monumentale Casa Douglas (1973), in cui si palesano influenze di Wright.
Pur continuando ad operare in ambito residenziale, Meier vanta tuttavia una rilevanza fondamentale come architetto civile, soprattutto in progetti di enormi dimensioni. 
Le sue opere più importanti in questo settore sono in Europa, anche se iniziano nel complesso residenziale Twin Parks Northeast nel Bronx (1974), seguito dal Bronx developmental center (1976), costruito per ospitare 750 bambini portatori di handicap.
Meier ha costruito celebri istituzioni culturali come i musei d’Arte di Atlanta (1984), di Arti Decorative a Francoforte (1985) e d’Arte Contemporanea a Barcellona (1993); il Centro culturale a Ulm (1993); il Municipio e la biblioteca centrale de L’Aia (1993), con caratteristiche vetrate quadrate e rettangolari. 
Per oltre un decennio Meier lavora al Getty Center for the Arts and the Humanities, progetto del campus accademico di 11 acri collinari a Los Angeles, che vedrà la luce nel 1997: si tratta di una “città in miniatura, di gran lunga il più imponente progetto unitario della sua carriera”.
Si segnala anche la Chiesa dell’Anno 2000 a Roma (1996-2003), in cui lo splendido uso della luce evidenzia un aspetto tipico della sua produzione degli ultimi decenni. Tra i molti premi, si è aggiudicato il Pritzker nel 1984.

Richard Meier opere e progetti famosi
 
- Biblioteca di Storia dell’Arte, Università di Yale (USA), 2005
- Museo Frieder Burda, Baden Baden (Germania), 2004
- Sede centrale Canon, Tokyo (Giappone), 2002
- Museum of Television and Radio, Beverly Hills (USA), 1996
- Sede centrale della Swissair, Melville (USA), 1994
- Centro culturale, Ulm (Germania), 1993
- Museo d’Arte Contemporanea, Barcellona (Spagna), 1993
- Sede della stazione televisiva di Canal Plus, Parigi (Francia), 1993
- Municipio e biblioteca centrale, L’Aia (Olanda), 1993
- Museo di Arti Decorative, Francoforte (Germania), 1985
- High Museum of Art, Atlanta (USA), 1984
- Seminario, Hartford (USA), 1981
- Bronx Developmental Center, Bronx, New York (USA), 1977
- Complesso residenziale Twin Parks Northeast, Bronx, New York (USA), 1974
- Abitazioni unifamiliari a Essex Fells, Darien, East Hampton (USA), 1965-1969
 
 
Sito ufficiale
 
 

Architetti più visti

Richard Meier

19-11-2013

Richard Meier

Herman Hertzberger

24-05-2004

Herman Hertzberger

Italo Rota

16-09-2014

Italo Rota

Shigeru Ban

24-05-2004

Shigeru Ban

Tony Fretton - TFA

15-02-2010

Tony Fretton - TFA


Articoli Correlati

28-04-2017

Napoli, Rione Sanità: due piazze recuperate alla Bellezza

La Fondazione di Comunità San Gennaro, il Dipartimento di Architettura...

More...

28-04-2017

BBGK Architekci Katyn Museum Varsavia EU Mies Award 2017

Il memoriale dedicato alle vittime dell’eccidio della foresta di Katyn, progettato a Varsavia...

More...

27-04-2017

mostra Pierre-Alain Dupraz La Topographie en Architecture - Parigi

Il rapporto con la topografia del sito è il tema centrale dei recenti progetti realizzati...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy