23-07-2014

Lund Hagem: parco delle sculture di Midtåsen

Padiglioni, Musei, SPA, Ville,

Cemento, Vetro,

Lo studio norvegese di Lund Hagem progetta il museo delle sculture dell’artista Knut Steen sulla collina che domina la baia di Sandefjord. L’architettura utilizza solo due materiali, il cemento e il vetro, per valorizzare il protagonismo dell’opera artistica nello spazio. La forma della pianta è una prospettiva sulla natura.



Lund Hagem: parco delle sculture di Midtåsen

Progetto dall’interessante studio norvegese Lund Hagem, il parco delle sculture di Midtåsen è un’opera di architettura contemporanea che insiste con grazia su un appezzamento di terra proteso sulla baia di Sandefjord. La forma a binocolo disegnata dalla pianta crea una prospettiva finalizzata a valorizzare la relazione tra arte e natura.

La storia di questo progetto nasce allorché l’amministrazione comunale di Sandefjord, una località sui fiordi nel sud della Norvegia, decide di acquisire un certo numero di sculture dell’artista nazionale Knut Steen, scomparso di recente. Mentre emerge la necessità di trovare un luogo adatto alla conservazione e all’esposizione delle opere, la municipalità acquista i 60 acri di terreno di Midtåsen e apre al pubblico la villa che vi sorge, costruita nel 1933 dall’architetto Arnstein Arneberg per l’armatore Anders Jahre. Una rigogliosa foresta di pini accompagna alla scoperta di un giardino di sculture preesistenti, al termine del quale si sceglie di collocare il nuovo padiglione che conterrà le opere in marmo di Knut Steen.
Il clima di tensione, generato dalla ricerca della bellezza artistica attraverso la bellezza naturale, trova la sua sintesi nell’architettura di Lund Hagem, un “altare” costruito in cemento con copertura totalmente in vetro.

In questo museo a cielo aperto, ovvero spalancato verso il cielo, il progettista vuole adempiere all’esigenza di proteggere le sculture in marmo, ma non lo fa isolandole dal contesto e ricreando un ambiente museale cosiddetto, climatizzato e controllato dal punto d vista dell’illuminazione. Al contrario disegna questo padiglione con tre muri in cemento che definiscono lo spazio e una copertura di vetro che su di essi si appoggia, sicché l’ambiente risulta aperto pur essendo protetto e circoscritto.

La pianta si sviluppa a binocolo, principiando da un ingresso con porta a vetri, annunciato da un monolite in corten dal caratteristico color rosso ruggine, che richiama le tonalità naturali circostanti. Lo spazio interno immediatamente si biforca e mentre una via termina con la parete vetrata a tutta altezza che riporta nuovamente la vista dell’elemento naturale, l’altra si sviluppa in lunghezza e in ampiezza per terminare con la vetrata di fondo, che si affaccia sulla baia. Dove l’ambiente si amplia, gli spazi espositivi sono delineati da cambi di quote del pavimento; l’inserimento di un terzo muro centrale separa in due l’ambiente per poi riunificarlo, quando alla fine la parete si apre in un grande portale. Questa alternanza di luoghi separati e luoghi ricongiunti detta il ritmo dell’esposizione e consente anche di immaginare l’allestimento di piccoli concerti e conferenze.


Il tetto in vetro opaco è sostenuto da travi portanti, costituite da due fogli incollati di vetro trasparente. Dona all’intervento una straordinaria leggerezza l’innesto di superfici trasparenti su superfici massicce mediante semplici incastri e senza giunzioni metalliche, ma solo in virtù della precisione esecutiva delle casseforme. Affinché le pareti resistano a tutte le forme di movimento, al fine di mantenere le travi in ​vetro in posizione, le fondazioni sono state fuse direttamente sulla roccia.

Mara Corradi

Progetto: Lund Hagem architect
Committente: Comune di Sandefjord
Luogo: Sandefjord (Norvegia)
Progetto delle strutture: Siv.ing. P.O.Danielsen AS
Superficie utile lorda: 200 mq
Area del lotto: 6000 mq
Inizio Progetto: 2008
Fine lavori: 2009
Copertura in vetro (carbo-free glass)
Struttura in cemento (B35 M45) con colonne di vetro
Pavimento e muri in cemento (B35 M45)
Fotografie: © Lund Hagem, Sam Hughes, Bils Kavlie-Borge, Erik Stening


www.lundhagem.no
www.knut-steen.com


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy