01-11-2017

Lund Hagem Architects: Cabin Knapphullet nei fiordi norvegesi

Lund Hagem Architects,

Kim Müller, Ivar Kvaal, Luke Hayes,

Oslo, Norvegia,

Ville,

Lund Hagem Architects concepisce il rifugio Cabin Knapphullet a Sandefjord, in Norvegia, secondo una precisa concezione dello spazio esterno alla casa, che assolve la funzione di un interno, estendendone quindi i confini.



Lund Hagem Architects: Cabin Knapphullet nei fiordi norvegesi Nei pressi di una casa di vacanza a Sandefjord, nei fiordi a sud di Oslo, sorge il piccolo annesso Cabin Knapphullet progettato da Lund Hagem Architects, le cui dimensioni e la posizione fanno pensare che sia utilizzato piuttosto come un rifugio. Esso infatti si trova in una posizione isolata, accessibile solo con piccole imbarcazioni o mediante un sentiero che da nord si fa strada attraverso una fitta foresta. Dal mare il Cabin Knapphullet si scorge tra grandi rocce circondate da una vegetazione bassa propria del paesaggio costiero norvegese e, anche se per le sue ridotte dimensioni non si direbbe, si sviluppa su ben 4 livelli.
L’architettura è anche uno specchio che riflette e valorizza le abitudini di una società, influenzate dal luogo e dal clima. Le rigide temperature che perdurano per gran parte dell’anno nelle località norvegesi stimolano gli abitanti al massimo godimento delle giornate soleggiate. Diffusa è quindi l’abitudine di soggiornare in case per vacanze sul mare con spazi all’aperto in cui le persone tendono naturalmente a raccogliersi per godersi la natura. Quelli del Cabin Knapphullet sono luoghi minuti e ricavati tra le insenature di roccia, dove il progetto ha diviso equamente spazi coperti e spazi scoperti a quota di terra, creando una continuità tra gli stessi e replicando il concetto del living  anche all’esterno. 
Per risolvere il problema dei forti venti la casa si appoggia alla parete di roccia sul lato sud con una copertura piana in cemento, la quale si inclina verso nord fino a toccar terra e disegna una grande scalinata calpestabile. Lo spazio coperto sottostante è tutto lo spazio interno della casa, circa 30 metri quadrati su tre livelli che ospitano un living con camino e un bagno al piano terra. Una scala interna scende all’interrato usato come magazzino e sale al piano mezzanino che ospita solo un letto per 2 persone; grazie alla gradinata esterna è possibile salire alla terrazza sul tetto. Ed ecco come un rifugio così piccolo vanta ben quattro livelli.
La citata percezione di ambiente unico scoperto e coperto si realizza grazie ai muri a est e a ovest, completamente vetrati, che affacciano su due piccole corti, chiusa verso  l’entroterra l’una e spalancata verso il mare l’altra. L'atrio rivolto a est riceve il sole del mattino, mentre la terrazza rivolta a ovest si apre verso l’ultimo sole della sera. Verso la scogliera poi è stato aperto un lucernario che illumina l’ingresso e il bagno durante le ore centrali del giorno. 
L’inconsistenza dei limiti spaziali si accentua grazie alla posa dello stesso pavimento e alla panca in cemento che dall’interno, dove la copertura si inclina, si allunga alla corte esterna verso est e ne segna il perimetro fino all’incontro con la parete di roccia. Fanno notare i progettisti che la pianta è stata sviluppata in modo che siano gli spazi esterni a godere delle migliori viste, proprio in funzione della consuetudine locale di vivere più tempo possibile all’aperto durante la stagione calda. Le vedute dall'interno della casa si concentrano invece sugli aspetti più intimi del paesaggio circostante: la trama della superficie della roccia e i cambiamenti stagionali nella vegetazione.
La tavolozza cromatica si ispira proprio a questi dettagli ambientali: il cemento bianco della copertura e della panca imita la roccia, le pareti interne sono in rovere mentre il soffitto è ricoperto di strisce di quercia intrecciata.

Mara Corradi

Architects: Lund Hagem Architects
Client: Private
Location: Sandefjord, Norway
Structural design: eStatikk
Gross useable floor space: ca. 30 sqm
Lot size: ca. 22000 sqm
Completion of work: July 2014
Structure in self-supporting concrete
Facades in glass
Photographs: © Kim Müller, Ivar Kvaal, Luke Hayes
http://www.lundhagem.no/

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy