25-06-2014

A-Lab Arkitekturlaboratoriet: Complesso per uffici Statoil

a-lab (Arkitekturlaboratoriet AS),

Ivan Brodey,

Oslo,

Progetti

Cemento, Vetro,

L’architettura del complesso per uffici della Statoil, l’azienda norvegese produttrice di energia, esprime nella forma e nell’espressività delle sue superfici tutta la ricerca innovativa che è alla base del suo modo di operare, ottenendo anche notevoli risultati in materia di sostenibilità. Il progetto di A-Lab Arkitekturlaboratoriet ha vinto il concorso bandito nel 2009.



A-Lab Arkitekturlaboratoriet: Complesso per uffici Statoil

Vincitore del concorso per la realizzazione della nuova sede della norvegese Stotoil, produttrice di energia, il progetto di A-Lab Arkitekturlaboratoriet AS è una ricerca sulla forma dell’architettura contemporanea che si coniuga con l’attenzione verso la sostenibilità e l’impatto globale dell’opera sul contesto.

Localizzato nell’area periferica di Fornebu, che fino al 1998 ospitava l’aeroporto principale di Oslo, l’intervento ha bilanciato la spinta all’invenzione con la necessità di integrazione in un contesto in forte e rapido sviluppo residenziale e commerciale. La sede degli uffici di Statoil è stata progettata per essere un punto di riferimento di fortissimo impatto visivo, un landmark grazie a cui orientarsi, che contraddistinguesse nello stesso tempo il paesaggio suburbano.

Far diventare questo progetto un’icona di ciò che produce è stata la strada intrapresa dai progettisti per riuscire a distribuire una superficie di 117.000 mq sul litorale dei fiordi di Fornebu, un’ampia area di interesse naturalistico. Così sul terreno che costituiva un tempo il parcheggio dell’aeroporto è stato immaginato un volume composto da cinque parallelepipedi identici, dell’altezza di 3 piani, per una lunghezza di 140 metri e un’ampiezza di 23 metri.

Impilati a coppie secondo un disegno che ricorda vagamente il gioco dello Shangai, quelli sullo stesso livello sono stati ruotati reciprocamente, in modo da infondere dinamismo all’insieme, variando l’incidenza della luce sulle superfici interne ed esterne. Il quinto elemento che sormonta tutti ha il suo fulcro nella zona centrale dell’area disegnata dagli altri quattro. Questo grande atrio per la circolazione ai piani è un esterno coperto in cui le persone sono portate a transitare, incontrandosi e comunicando tra loro. Guardando verso l’alto da questo punto si osserva l’imponenza della struttura che si sostanzia nella sua complessa articolazione e nell’impatto dei suoi rivestimenti high-tech. Nello stesso modo le superfici che circondano l’atrio, proprio come una piazza cittadina, si arricchiscono di affacci, di ponti, di balconi da cui si gode la vista sul vuoto centrale. Da questo punto la circolazione interna prosegue ai piani per mezzo di una torre centrale che collega dall’esterno e di quattro blocchi in cemento per scale e ascensori collocati a perno tra i volumi orizzontali.

La struttura in prefabbricati di cemento e acciaio consente di avere parti in aggetto anche di 30 metri. Il rivestimento interno ed esterno in pannelli di alluminio integra finestre, sistemi di isolamento e di schermatura della luce, celando ogni sistema di fissaggio e aggancio allo scopo di ottenere quella pulizia superficiale che legge l’architettura come un’icona di efficienza. Una complessa maglia modulare in vetro ad andamento elicoidale costituisce la copertura dello spazio ricavato dall’intreccio dei volumi a diversi livelli.


L’abbattimento dei livelli di fabbisogno energetico, ottenuto grazie all’impiego di pompe di calore ed a sistemi di isolamento come tripli vetri con bassissimo valore di trasmittanza, ha attestato all’85% l’approvvigionamento di energia per mezzo di fonti rinnovabili.

Mara Corradi

Progetto: a-lab (Arkitekturlaboratoriet AS)
Interior design: a-lab & Momentum Arkitekter
Committente: Statoil ASA
Luogo: Fornebu, Bærum (Norvegia)
Progetto paesaggistico: Østengen og Bergo (concept), Rambøll Norge (detail)
Superficie utile lorda: 117.000 mq
Concorso: 2009
Fine lavori: 2012
Impresa costruttrice: Skanska (edificio fuori terra) / PEAB (fondazioni e interrato)
Facciate in vetro e alluminio
Struttura in prefabbricati di cemento armato e elementi in acciaio
Pareti interne rivestite in pannelli d’alluminio
Pavimenti in rovere
Fotografie: © Ivan Brodey, Luis Fonseca

2009 World Architecture Festival (WAF) Award (Commercial category)
2012 World Architecture News (WAN) Awards (Commercial category)
Nomination to the Norwegian CITY Award and the international 2013 MIPIM Award, in the category of Best Office & Business Development

www.a-lab.no
Video Statoils nye kontorer på Fornebu
Video Statoil regional and international offices by a-lab


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy